Programma Scientifico, Comunicato Stampa e Presentazioni tenutesi alla conferenza internazionale “From Seed to Pasta III – La Filiera Sostenibile del Grano Duro per la Sicurezza Alimentare e una Vita Sana” (Bologna, 19-21 settembre 2018), all’interno della sessione 7 “Innovazione nella filiera del grano duro” e tavola rotonda moderata da Roberto Ranieri.

In attesa del nuovo appuntamento del Pastaria Festival 2018, alcuni spunti sulla pasta biologica da un convegno dell’edizione precedente. Articolo di Ilaria Mazzoli pubblicato sul numero 5/2018 di Pastaria DE.

Tutti i numeri del Bio italiano: i driver del consumatore e le novità del canale specializzato”: questo il titolo dell’OSSERVATORIO SANA 2018, l’approfondimento sui temi di maggiore attualità per il comparto, presentato in Fiera a Bologna in occasione della giornata inaugurale di SANA – 30° Salone internazionale del biologico e del naturale.

Nomisma ha realizzato l’indagine – promossa da BolognaFiere con il patrocinio di FederBio e AssoBio – su un campione di 200 punti vendita per la sezione dedicata al canale retail e di 800 famiglie per l’analisi su abitudini e motivazioni di acquisto.

Intervento di Roberto Ranieri relativo al futuro delle filiere agroalimentari partendo da alcuni dei trend ad oggi già presenti, tenuto a “Wheats&Women International conference and the Carlotta award 2018”, all’interno della sessione “Agriculture and 2030 Agenda (the future of farming).

Sul numero 1/2 di Gennaio/Febbraio 2018 della rivista mensile della Regione Emilia-Romagna dedicata all’agricoltura è stato pubblicato un articolo sul nostro progetto BIO2. L’articolo, che racconta degli obiettivi, partner, primi risultati e prossimi step del progetto,  è inserito in una sezione di focus dedicata ai grani antichi.

Il focus è dedicato alla presentazione delle caratteristiche agronomiche di questi frumenti, dei diversi progetti mirati al loro recupero, conservazione e valorizzazione, delle regole per la commercializzazione; vengono infine riportate interviste ad esperti nutrizionisti, agronomi e giovani ricercatori.