News

Amicograno: visita ai campi sperimentali

[inline_slider]
[slide src=”https://openfileds-developer.cabirialab3.net/sito/wp-content/uploads/2014/06/amicogranovisita-1.jpg”][/slide]
[slide src=”https://openfileds-developer.cabirialab3.net/sito/wp-content/uploads/2014/06/amicogranovisita-2.jpg”][/slide]
[slide src=”https://openfileds-developer.cabirialab3.net/sito/wp-content/uploads/2014/06/amicogranovisita-3.jpg”][/slide]
[/inline_slider]

Il 3 Giugno scorso si è svolta a Parma, presso l’Azienda Agraria Stuard, la visita guidata ai campi sperimentali del progetto Amicograno. Il progetto si pone come obiettivo di studiare le caratteristiche agronomiche e la contaminazione da deossinivalenolo (DON) in varietà di frumento duro e tenero antiche e moderne e di farro, coltivate sia mediante tecniche agronomiche convenzionali che mediante coltivazione biologica. Gli altri partner del progetto, oltre a Open Fields che è anche cofinanziatore, sono l’Azienda Agraria Sperimentale Stuard (PR), L’Azienda agraria “Capponcelli Mauro” (San Giovanni in Persiceto, BO) ed il Dipartimento di Scienze degli Alimenti dell’Università degli studi di Parma.

La visita, al quale hanno partecipato diversi tecnici del settore, liberi professionisti  e ricercatori universitari,  è stata guidata dalla Dr.ssa Cristina Piazza dello Stuard la quale ha esposto le prime impressioni ricavate dalla coltivazione dei grani antichi. Di particolare interesse è stata la valutazione delle differenze riscontrate tra la gestione biologica e quella convenzionale sullo sviluppo agronomico e la suscettibilità a malattie. E’ stato anche possibile osservare i primi sintomi di fusariosi indotti da inoculo artificiale.

Articoli correlati

FROM SEED TO PASTA 2022