News

Convegno conclusivo Castagni Parlanti

Lunedì 27 giugno 2022, nel Parco Rufus Thomas di Porretta terme (BO), si è tenuto il convegno conclusivo del progetto “Castagni Parlanti” (www.castagniparlanti.it. “Nuove tecniche di monitoraggio del bilancio del carbonio e dello stato di salute del castagneto da legno e da frutto”), realizzato nell’ambito del PSR della Regione Emilia-Romagna, Misura 16.1.01, focus area 5E e in particolare dei Fabbisogni PSR relativi al ripristino e alla gestione sostenibile dei sistemi forestali, con focus sulla valutazione del bilancio del carbonio. Siamo onorati di aver potuto condurre l’attività relativa al progetto nel Parco Didattico Sperimentale del Castagno di Granaglione (Alto Reno Terme, BO), per l’impiego del quale si ringraziano di cuore la proprietà (Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna) e l’ente preposto al coordinamento tecnico-scientifico (Accademia Nazionale di Agricoltura). Pochi giorni orsono il Parco è diventato ufficialmente uno dei “Centri nazionali per lo studio e la conservazione della biodiversità forestale” (https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2022/06/18/22A03586/sg ).

Grazie alla cortese ospitalità del Comune di Alto Reno Terme, e del sindaco Giuseppe Nanni, è stato possibile realizzare una mattinata di intenso scambio – a partire dai risultati del progetto – sul futuro della montagna e sul suo ruolo nei sistemi agro-forestali sostenibili, con gli interventi del Sindaco stesso, della Assessora Barbara Lori (Regione Emilia-Romagna: Montagna, Parchi, Forestazione, Programmazione territoriale e paesaggistica), di Cecilia Bartolini Cabras (vicepresidente della Coop Valreno), del prof. Cantelli Forti (per Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna), del prof. Vianello (per Accademia Nazionale di Agricoltura), dei docenti Vittori Antisari e Magnani dell’Università di Bologna, del Centro Euro Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici (Dott.ssa Chiriaco’) e del prof. Riccardo Valentini (Università della Tuscia, CMCC, premio Nobel per la pace nel 2007 con IPCC, ideatore delle apparecchiature TreeTalker® alla base del progetto). Open Fields, società capofila del Piano Castagni Parlanti, ha coordinato gli interventi e la discussione (Roberto Ranieri, Ilaria Mazzoli).

All’interno dei sistemi agro-forestali, le foreste, se gestite in modo virtuoso, possono svolgere il prezioso ruolo di compensatrici delle emissioni “inevitabili” delle attività agricole, contribuendo ad un raffinato sistema eco-sostenibile in grado non solo di generare nuovi equilibri, ma anche di conferire nuovo valore al lavoro di coloro che scelgono di rimanere ed operare nelle antiche e magnifiche località montane. Per raggiungere tale obiettivo, la scienza e la tradizione millenaria montana possono collaborare per affrontare insieme le sfide del cambiamento climatico, delle pratiche eco-sostenibili, della visione circolare delle attività produttive dei territori. La presenza di giovani volonterosi e preparati, in grado di tutelare l’eredità dei padri pur aprendosi al futuro, sarà la risorsa chiave per conseguire quest’opportunità unica.

L’Assessora Barbara Lori, del resto, ha delineato un grande impegno, presente e futuro, della Regione Emilia-Romagna a sostegno della montagna e dello sviluppo di nuove professionalità.

La squadra attivata nel progetto PSR ha scelto di continuare a lavorare su questi temi ben oltre l’orizzonte temporale progettuale. I TreeTalker®, preziosi strumenti di monitoraggio e misurazione, resteranno sui 48 alberi ormai abituati alla loro delicata presenza. Proseguiranno le analisi e gli scambi tra gli esperti delle diverse branche di studio, con lo scopo di comprendere e diffondere tutti gli spunti utili all’implementazione di soluzioni tali da massimizzare i risultati e la soddisfazione di chi si cimenterà in pratiche ottimali di gestione delle foreste e dei castagni.

I documenti presentati al convegno saranno disponibili a breve sul sito del progetto e su quello dell’Accademia Nazionale di Agricoltura.

Barbara Lori, Riccardo Valentini, Gilmo Vianello
I relatori del convegno

Articoli correlati

Progetto MountainHER: a Bologna e Rigoso il primo incontro internazionale in presenza